Home
Formazione Ministri Straordinari della Comunione

Formazione Ministri Straordinari della Comunione

  L'Ufficio Liturgico Nazionale, assieme con l'Uffico Nazionale per la pastorale della...

Sono benedette queste palme?

Sono benedette queste palme?

Sono benedette queste palme? di Giacinto Mancini      «Padre, posso prendere...

Suggerimenti per la celebrazione dei sacramenti in tempo di emergenza Covid-19

Suggerimenti per la celebrazione dei sacramenti in tempo di emergenza Covid-19

Suggerimenti della CEI per la celebrazione dei sacramenti in tempo di emergenza Covid-19 In...

Sospesi gli aggiornamenti per i Ministri straordinari della Comunione

INCONTRO DI AGGIORNAMENTO SOSPESO In osservanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei...

Aggiornamento Ministri Straordinari della Comunione 2020

Incontri di aggiornamento per i Ministri Straordinari della Comunione:  - 10 marzo 2020 -...

FIORIL’arte floreale a servizio della Liturgia
Corso diocesano per i fioristi
L’arte floreale al servizio della liturgia è un’arte fra le altre arti e un elemento che contribuisce alla bellezza della liturgia.
L’Ufficio Liturgico Diocesano propone il Corso sull’arte floreale a servizio della liturgia che si svolgerà a partire dal giovedì 29 maggio, alle ore 20.30, nel Salone Parrocchiale presso la chiesa di Santa Maria Goretti a Frosinone. Sono invitati i fioristi professionisti, ma anche tutti coloro che preparano abitualmente le composizioni per la chiesa. Il Corso sarà gestito dalla prof. suor Clara Caforio, E.F.
Gli incontri successivi si svolgeranno l'11 e il 18 giugno.
Nonostante le difficoltà della vita e la preoccupante situazione economica del nostro paese occuparci dei fiori può sembrare inappropriato. In realtà come ogni forma d’arte quella floreale può situarsi al di sopra di tutte le cose. Infatti i fiori costituiscono una delle più forti parabole d’amore di Dio perché: i fiori, nella loro fragilità e nel nostro mondo violento e prepotente, sono certamente una straordinaria parabola della forza dell’Amore divino; i fiori, nella loro silenziosa discrezione e nel nostro mondo rumoroso, sono senza dubbio una sorprendente parabola della discrezione dell’Amore divino; i fiori, nella loro bellezza senza artifici e nel nostro mondo sofisticato, sono di certo una stupefacente parabola della limpidezza dell’Amore divino; i fiori, nella loro fedele ri-apparizione annuale e nel nostro mondo insicuro, sono certamente una sorprendente parabola della speranza che viene dall’Amore divino; i fiori, nella loro apparente inutilità e nel nostro mondo produttivo ed efficace, sono sicuramente una straordinaria parabola della gratuità dell’Amore divino.
L’arte floreale a servizio della liturgia è nata una trentina di anni fa dalla contemplazione da parte di una donna Geneviève Vacherot del trittico “Portinari”, che rappresenta una Natività e adorazione, opera di Hugo Van der Goes (del grande periodo fiammingo del XV sec.), conservato oggi alla Galleria degli Uffizi, a Firenze. L’intuizione di partenza è ben presto diventata una convinzione, condivisa da tutti coloro che, ormai dappertutto nel mondo intero, continuano a svolgere questo servizio nella Chiesa:
- parlare di Dio attraverso i fiori e gli elementi naturali, in collegamento con un testo biblico e per una precisa comunità;
- parlare a Dio esprimendo la preghiera personale di intercessione, lode, adorazione attesa, tristezza…;
- lasciar parlare Dio affinché Egli istruisca, trasformi, consoli, attraverso la contemplazione di un bouquet. Dunque lo spazio liturgico che si infìorirà (l’ambone, l’altare, il battistero, la croce, o il cero pasquale...) per una particolare occasione (una domenica, una battesimo, un matrimonio, un’adorazione o un funerale), con materiale disponibile (vasi, coppe, cortecce d’albero, ceppi, muschio o bugie..) e determinati fiori (come qualità, numero, colore.,.) in una precisa disposizione (bouquet rotondo, diritto, triangolare, a L, a S…) tutto ciò entra in un “cerchio” che esalta artisticamente l’Altare della creazione. E come ogni arte, l’Arte floreale liturgica “non serve a nulla” si apprende e si dona a beneficio di tutti. “ I fiori non decorano, essi significano. La chiesa è il luogo dove tutto deve essere bello e significativo” (Genevieve Vacherot).
L’artista fioraio a servizio della liturgia ha come missione quella di raccogliere la natura e di presentarla, cioè renderla presente, nella liturgia, in maniera che possa prendere parte, con il suo proprio linguaggio, all’azione liturgica che è gesto di accoglienza e di dono, di gratitudine e di trasfigurazione... vita eucaristica. E’ offerto a Dio uno spazio in cui Egli può manifestare la bellezza della creazione.

Liturgia del Giorno

Visite agli articoli
1819300

Abbiamo 154 visitatori e nessun utente online