Questo sito utilizza solo cookie tecnici al solo scopo di far funzionare il sito.
Non usa cookie di profilazione

Se accetti di visitarlo clicca su chiudi.
Buona giornata.

ABC della Liturgia

L'ABC della Liturgia/6

Una celebrazione viva


"Giustamente la liturgia è ritenuta come l'esercizio del sacerdozio di Gesù Cristo; in essa, per mezzo dei segni sensibili, viene significata e, in modo a essi proprio, realizzata la santificazione dell'uomo e viene eserciato dal corpo mistico di Gesù Cristo, cioè dal capo e dalle sue membra, il culto pubblico integrale" (SC 7).

Chiaramente i segni sensibili richiamati dall'appena citata definizione sono i riti. La salvezza divina nella storia è la santificazione che deriva dall'esercizio del sacerdozio di Cristo. Infine, il culto pubblico integrale del corpo mistico di Cristo non è altro che la dimensione comunitaria dell'assemblea convocata per celebrare i riti.

Bisogna sottolineare con forza che la liturgia non è un concetto, ma una realtà viva: Dio ci salva! Il nostro Dio è un Dio che salva, che agisce nella nostra storia, che è in noi, con noi e vicino a ciascuno di noi, così che la storia della salvezza portata a compimento in Cristo e continuata dalla Chiesa si realizza nella liturgia.

Qualcuno potrebbe chiedere: perché la celebrazione liturgica può salvare? E la risposta è: perché le nostre liturgie letteralmente ci innestano nella realtà divina che celebrano, cioè la SS.ma Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, punto di partenza e perno della preghiera liturgica della Chiesa. In altre parole: tutte le nostre liturgie sono trinitarie. Il Padre è la meta della preghiera liturgica, il Figlio Redentore è la realizzazione dell'unione perfetta tra Dio e l'uomo, lo Spirito Santificatore rende la celebrazione liturgica portatrice di salvezza.

(Pubblicato su Lazio Sette: 10 dicembre 2006, p. 5)

Visite agli articoli
2474755

Abbiamo 87 visitatori e nessun utente online